Prolife presenta i nuovi snack, per premiare il cane…secondo Natura!

PROLIFE

 

Come premio durante i momenti di gioco o apprendimento, ma anche nella vita di tutti i giorni…gli snack sono alimenti complementari che possono essere utilizzati in abbinamento a un’alimentazione completa e bilanciata.

Per questo Prolife ha creato una nuova linea di Snack per cani, tutti grain free, prodotti in

...
Leggi

A casa da soli. Quando il ritorno alla routine può creare stress

 

A casa da soli. Quando il ritorno alla routine può creare stress

 

Le vacanze sono ormai al termine per i molti italiani che hanno deciso di trascorrerle in compagnia dei loro amici animali.
il

...
Leggi

Vitakraft lancia il suo stand Virtuale riservato ai rivenditori

pensa in grande

 

Una piattaforma b2b riservata ai rivenditori con 8 aree tematiche e oltre 100 pagine

“Lasciatevi ispirare dagli highlights sulla nostra ampia gamma di prodotti e fatevi un giro nel nostro stand per scoprire le ultime novità e i top

...
Leggi

#donaunapastoconProlife

DONAUNPASTOCONPROLIFE

Al via la campagna Enpa e Prolife “Dona un pasto per gli animali vittime di abbandono”
Prolife e E.N.P.A. lanciano l’allarme abbandono con una nuova campagna. Con l'inizio dell'estate torna l'allarme per l'abbandono degli animali da compagnia. Nonostante per la maggior parte degli

...
Leggi
Non superare la linea gialla

Prima o poi sarà capitato a tutti, in attesa di un treno da prendere, sentire diffusa dagli altoparlanti della stazione la frase: “non superare la linea gialla” comunicata con voce forte e stentorea, forse computerizzata. Linea gialla come limite di pericolo, gialla perché questo colore nella storia è sempre stato un indice di rischio legato ad aspetti di paura e di sensazione di impossibilità a difendersi ed a reagire. La linea gialla è un limite di sicurezza che andrebbe rispettato sempre anche quando il treno, “il pericolo”, è ancora lontano, non lo si vede in fondo ai binari e neppure lo si sente sferragliare. Forse si recepisce soltanto un fischio lontano, quasi appena accennato. Da tempo sono convinto che la linea gialla dovrebbe esistere anche nel sistema dell’informazione, una linea alla quale non avvicinarsi troppo perché così garantisce la qualità e la correttezza dell’informazione mentre altrimenti, se superata, ci si trova in uno spazio pericoloso, inaffidabile e molto rischioso. Il settore degli animali da compagnia, cresciuto in modo certamente imprevedibile rispetto alle previsioni degli esperti, ha invaso Internet di siti ed app al servizio delle famiglie che ospitano cani e gatti o altri animali da compagnia. Sono centinaia ormai i siti proposti da associazioni, editori, enti, aziende, cliniche veterinarie, privati, ecc. che si propongono come riferimento dei proprietari sui diversi temi che possono riguardare gli animali da compagnia. Molti di questi sono più specializzati in settori specifici del benessere e della salute degli animali, soprattutto quelli proposti da ospedali o cliniche veterinarie. Altri puntano soprattutto sui problemi riferiti alla nutrizione ed alimentazione degli animali, in particolare, ovviamente, i siti proposti dalle aziende che producono petfood. Un tema molto trattato e proposto che trova grande interesse nei proprietari di animali è la medicina comportamentale. Difficile pensare infatti che le condizioni ambientali in cui sono costretti a vivere cani e gatti non creino situazioni di stress negli animali richiedendo per la loro soluzione i consigli di un esperto. Il proprietario di animali da compagnia ha quindi l’imbarazzo della scelta fra centinaia di offerte o possibilità. Purtroppo, però, esiste una linea gialla che dovremmo superare solo convinti del mondo che andiamo a trovare e del tipo di informazione che avrò disponibile. Per essere chiari devo essere consapevole che superata la linea gialla probabilmente l’informazione che avrò disponibile non sarà molto obiettiva ma essendo sponsorizzata evidenzierà aspetti che conducano alle caratteristiche dei prodotti realizzati o proposti dal titolare del sito o dallo sponsor. Prima di scrivere questo editoriale sono andato a visitare vari siti relativi al nostro settore e devo ammettere che è molto difficile trovare obiettività di informazione anche quando sono realizzati o sponsorizzati da enti ed associazioni che non dovrebbero avere interessi economici in proposito. Uno dei siti più recenti che si propone come in grado di rispondere ad ogni esigenza del proprietario con la collaborazione di numerosi esperti del settore ha una tale commistione con le aziende da diventare un vero e proprio portale di e commerce. Cercate un’informazione e vi trovate il corriere sotto casa pronto a consegnarvi il prodotto. Le informazioni potete poi leggerle sul foglietto illustrativo. Ci sono però anche situazioni più gravi che andrebbero veramente denunciate per truffa o diffusione di fake news. Siti dedicati a false cure, a strumenti inutili o pericolosi, servizi inesistenti, ecc. Ci vuole quindi molta attenzione evitando di superare la linea gialla

Antonio Manfredi