Novità in rete

Novità in rete

CaniAntiCovidMiamiI primi due cani addestrati a riconoscere il Covid sono entrati in servizio all'aeroporto di Miami. Come spiegano i media Usa, si tratta di un programma pilota presso uno degli scali più trafficati degli Usa, e il primo ad impiegare i cani nella battaglia contro il virus. Secondo uno studio della Florida International University, i cani possono individuare la presenza del Covid con un tasso di accuratezza che va dal 96% al 99%. 

Il tasso di precisione di Cobra, una femmina di Malinois belga, è stato del 99,4%, e quello di One Betta, un pastore olandese, del 98,1%. Cobra e One Betta annuseranno le mascherine dei dipendenti che passano attraverso un checkpoint per rilevare la presenza del virus nel sudore, nel respiro e negli odori dovuti ai cambiamenti metabolici che il Covid provoca nel corpo umano: se i cani segnalano l'odore del virus, a quell'individuo verrà chiesto di fare immediatamente un test rapido.

Fonte: https://www.lastampa.it/la-zampa/cani/2021/09/15/news/all-aeroporto-di-miami-in-servizio-i-primi-cani-anti-covid-e-il-programma-pilota-nello-scalo-tra-i-piu-trafficati-degli-usa-1.40707732

CaneAmanteDiceva di andare in passeggiata con il cane, ma in verità andava dalla sua amante. Ma la moglie scopre tutto… grazie al cane. Tutto è capitato a Fano, protagonista della storia extra coniugale un 50enne che è stato cacciato di casa ed è stato portato in tribunale dalla moglie per la separazione.

Dopo cena l’uomo usciva con il cane e alla moglie raccontava che prendeva l’auto per portarlo vicino alla spiaggia per farlo correre. Una strana uscita che non durava mai meno di tre ore. Il problema è che il cane non ha retto il gioco del suo proprietario: quando tornava a casa non era stanco, anzi dimostrava di voler subito riuscire. 

Questo comportamento anomalo ha insospettito la moglie che, dopo mesi, ha deciso di seguire il marito con la propria auto. L’uomo non andava verso la spiaggia, ma andava in un paesino vicino. Lì si fermava vicino a un’abitazione e con il cane al guinzaglio entrava per poi uscirne dopo un’ora e mezza. E della corsa o passeggiata in spiaggia non c’era traccia, ne tantomeno di fargli fare i bisogni. 
La donna ha così chiesto la separazione con addebito al marito per il tradimento e anche il cane ne ha pagato le conseguenze perché anche il cane ha dovuto prendere cuccia e ciotola e andarsene. Una punizione probabilmente ingiusta per l’incolpevole complice.

Fonte:https://www.lastampa.it/la-zampa/cani/2021/09/16/news/va-dall-amante-con-il-cane-ma-grazie-al-quattrozampe-la-moglie-scopre-il-tradimento-e-li-caccia-entrambi-da-casa-1.40707707

PelodelgattoA determinare il colore e il disegno del mantello che un gatto avrà da adulto ci pensano delle specifiche molecole che incidono sul risultato nel corso dello sviluppo dell'embrione. Lo hanno determinato alcuni ricercatori in uno studio pubblicato su Nature Communications, dando così la spiegazione, ad esempio, al fatto che cellule epiteliali identiche possano acquisire differenti firme genetiche, portando all'origine di complessi modelli di mantelli e colori nel pelo, caratteristica distintiva nella diversita' delle razze feline, cosi' come in altri mammiferi.

Studi precedenti avevano già dimostrato come le differenti tipologie di colore e pezzature nei gatti domestici comparissero durante la crescita del pelo, in base alla produzione di pigmento di melanina da parte dei singoli follicoli piliferi. Non era però chiaro cosa determinasse la quantità di melanina prodotta in colori differenti. Il ricercatore Gregory Barsh e i colleghi hanno studiato campioni di pelle di embrioni di gatto in differenti stadi di sviluppo, analizzando i geni delle singole cellule e le proteine trovate nelle sezioni di tessuto.

Hanno così osservato che le differenze nell'espressione genica embrionale determinano il modello di mantello prodotto durante la crescita dei peli. Secondo la ricerca, un ruolo centrale nella definizione del colore lo svolge una molecola codificata dal gene Dkk4, che è risultata mutata nei gatti con colorazioni particolarmente marcate, come nelle Abissino o Savannah. Come fanno notare infine i ricercatori, anche se lo studio era focalizzato sui gatti domestici, è probabile che la funzione della molecola si possa considerare uguale anche nel processo di formazione di modelli di mantello e colore in leopardi o tigri, così come in altri mammiferi. 

Fonte:https://www.lastampa.it/la-zampa/gatti/2021/09/08/news/svelato-il-segreto-del-pelo-dei-gatti-1.40679190

caneidentikitIn un minimarket di Denver, i proprietari hanno deciso di istituire un imbarazzante "Wall of Shame", un muro della vergogna dove vengono appese le fotografie dei taccheggiatori pizzicati dalle telecamere di sicurezza. Ma fra le tante foto, ne spicca assolutamente una: quella di un cane.

Sotto l'adorabile soffice pelo bianco e nero si nasconde l'animo di un ladro di carne essiccata. Ovviamente la foto è diventata virale su Reddit, come la storia che si nasconde dietro quello scatto.

Il cagnolone in questione si trovava nel negozio insieme al suo proprietario quando ha avuto un'irrefrenabile voglia di carne essiccata affumicata. Così ne ha afferrato un bastoncino e ha iniziato a sgranocchiarlo, ovviamente senza averlo pagato prima. In ogni caso, non è riuscito ad uscire dalla porta con la refurtiva: sia il proprietario che il gestore sono scoppiati a ridere, ma nonostante il pagamento la foto del cane è comunque finita attaccata al muro. 

Al contrario degli altri taccheggiatori, il cucciolo è ancora benvenuto nel negozio, ma solo se accompagnato. Sia mai che gli tornasse un improvviso languorino…

Fonte:https://www.lastampa.it/la-zampa/cani/2021/09/06/news/cosa-ci-fa-la-foto-di-un-cane-fra-quelle-dei-taccheggiatori-di-un-supermercato-1.40672659