Novità in rete

Novità in rete

SposaGattoSposi per beneficenza. Un uomo californiano intende sposare la sua gatta per raccogliere fondi per il rifugio per animali di Los Angeles. Scott Perry ha fatto la proposta alla sua adorata Olivia dopo aver trascorso con lei due indimenticabili mesi in quarantena. La gatta è stata per lui una compagnia confortante, insostituibile. Ecco perché ha deciso di compiere il gran passo con lei, con uno scopo ancora più nobile, aiutare tanti altri gatti e cani in difficoltà.

Scott ha adottato Olivia nel 2015 della Best Friends Animal Society di Los Angeles con quella che era la sua fidanzata di allora. La gatta aveva 2 anni e si è sempre mostrata timida. Passava gran parte della sua giornata nascosta sotto i mobili. Poi quando la coppia è scoppiata, oltre un anno dopo, Olivia è cambiata, come se avesse capito che Scott aveva bisogno di essere consolato. Piano piano e uscita dal suo guscio e ora i due sono inseparabili, ancor di più dopo la quarantena, dove l'affetto di Olivia si è mostrato un vero toccasana per la sua serenità mentale.
Scott ha anche raccontato di aver fatto la proposta a Olivia mentre si trovavano sulla veranda di casa e che lei ha risposto con un «miao» convinto, che lui ha subito preso per un «sì, lo voglio!». Da quel gioco, la pazza idea di farlo «per davvero», con un matrimonio ovviamente non legalmente vincolante, per aiutare la Best Friends Animal Society di Los Angeles.

La strana coppia ha creato un sito di nozze dove è possibile lasciare un messaggio ai novelli sposi, fare una donazione per il rifugio e soprattutto seguire il loro gran giorno, fissato per il 23 maggio 2020 alle 12 Pacific Time, 21 ore italiane. L'obiettivo è di raccogliere 5 mila dollari per il rifugio e incoraggiare altre persone ad adottare un gatto.
«Il mio gattino mi ha aiutato a rimanere sano di mente. Gli animali domestici ci permettono di avere un'interazione calda e positiva con un'altra creatura vivente mentre dobbiamo mantenere le distanze dagli altri», ha dichiarato Scott. «Il lavoro svolto quotidianamente dai rifugi è incommensurabile: garantiscono sicurezza agli animali e felicità alle famiglie durante tutto l'anno, soprattutto quando siamo nel bel mezzo della stagione dei cuccioli». E questo è il suo modo di dire grazie.

Fonte: https://www.lastampa.it/la-zampa/gatti/2020/05/21/news/sposa-il-suo-gatto-per-ringraziarlo-del-sostegno-ricevuto-durante-la-quarantena-1.38871537

cANEuNIVERSITàTra i laureati al Virginia Tech, premiati durante la cerimonia virtuale della classe 2020, c'era uno studente particolare: Moose, un labrador retriever di 8 anni. Il cane ha ricevuto una laurea onoraria per il ruolo svolto al dipartimento di medicina veterinaria. Moose è dal 2014 uno dei quattro animali impiegati a scopo terapeutico all'interno del campus e negli anni è diventato un simbolo per migliaia di studenti: è presente a tutte le partite di football, agli eventi dell'università, è il testimonial alle giornate di orientamento universitario, inoltre svolge una funzione terapeutica per gli studenti con ansie, traumi e problemi mentali.

Il labrador color panna più famoso d'America ha assistito negli anni più di 7500 studenti e con risultati, dicono a Virginia Tech, straordinari. «La sua forza - spiega il padrone, Trent Davis, che lavora da dieci anni al consultorio universitario - è che aiuta tutti, senza giudicarli. E questo i ragazzi e le ragazze lo sentono». Così sui media americani campeggia la foto del «dottor Moose», in posa con il tocco da neo laureato e la nappetta gialla che gli sfiora un orecchio.

Fonte: https://www.lastampa.it/la-zampa/cani/2020/05/18/news/negli-stati-uniti-laurea-in-medicina-al-dr-moose-il-cane-labrador-della-virginia-tech-1.38860172

AnimaliAPetraLoro ci sono sempre stati nell’antica città di Petra, in Giordania. Ben prima che quel luogo diventasse un polo di attrazione turistica. E ora che con il confinamento gli esseri umani non ci sono, gatti, cani, uccelli e altre creature hanno preso il possesso della zona. Normalmente, la città pullula di guide beduine e dei loro animali - cammelli, cavalli e asini - portando alcune delle migliaia di turisti al giorno nelle tombe e nei templi del sito scavati nella roccia colorata più di 2000 anni fa. Da metà marzo, tutti i siti sono stati chiusi e gli operai rimandati a casa. I venditori di souvenir hanno lasciato tutte le loro merci sul posto, tanto è difficile che qualcuno possa rubare qualcosa. I gatti si rannicchiano in cima a pile di fodere per cuscini e tappeti tessuti a mano di fronte ai luoghi immortalati da migliaia di scatti diffusi sui social network. Per terra ci sono i passeri, saltellano su quei sentieri normalmente affollati dai turisti. Il loro cinguettio è diventato sempre più forte e si sente dentro e fuori delle grotte. I cani randagi sembrano i più soli. Abituati a essere coccolati e nutriti dai turisti, vagano per il sito vuoto, arrampicandosi sulle colline e abbaiando a vicenda. I beduini del posto raccontano di aver visto anche dei lupi che si avventurano nella zona. Tutti questi animali si godono la pace, ma vivono anche la sofferenza del doversi procurare cibo: dove ci sono i turisti, c’è sempre qualcosa da mangiare. Fra spazzatura o quello offerto, quasi tutti gli animali beneficiano della loro presenza. Oggi invece devono tornare a procurarselo e immancabilmente si ristabilisce la catena alimentare, dove c’è sempre qualcuno che mangia qualcun’altro. Ma questa è sono le leggi della natura.

Fonte: https://www.lastampa.it/la-zampa/altri-animali/2020/05/08/news/coronavirus-in-giordania-senza-umani-gli-animali-si-impossessano-dell-antica-citta-di-petra-1.38818969

ministero verde 86 prospettiva breveRiapertura di nuove attività commerciali e produttive

A seguito del confronto intercorso tra il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ed il Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri sono stati aggiornati gli allegati del DPCM del 26 aprile 2020.

A partire da domani potranno pertanto riaprire altre attività commerciali e produttive quali: il commercio al dettaglio di natanti e biciclette; il noleggio di autocarri, veicoli pesanti, macchinari e attrezzature; nonché le attività di conservazione e restauro di opere d’arte e i servizi di tolettatura degli animali da compagnia.

Il provvedimento è stato registrato in data odierna dalla Corte dei Conti e verrà successivamente pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Per maggiori informazioni

Testo del decreto – Modifiche al DPCM 26 aprile 2020 (pdf)

 
 
Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.