Novità in rete

Novità in rete

Karl LagerfeldCon sul capo il cappello con la veletta nero, Choupette è in gramaglie per la morte di «Daddy» Karl Lagerfeld. Ma la celebre gatta dello stilista e tycoon della moda internazionale, morto due giorni fa a Parigi a 85 anni, per quanto «col cuore spezzato», non deve temere per il suo futuro: come annunciato dal defunto padrone, la diva del web a quattro zampe (ha quasi 250 mila seguaci sul sito di condivisione di immagini Instagram) si prepara ereditare una parte della sua vasta fortuna.  Non tutto, ovviamente: «Ci sono altri», aveva detto Lagerfeld alla rivista di moda Nume’ro lo scorso aprile: «Non preoccupatevi, ce n’è per tutti». Il valore esatto dell’eredità di Lagerfeld non è noto, ma le stime più accreditate parlano di diversi milioni di dollari. Ed è così che, dal suo profilo Instagram, Choupette ringrazia oggi tutti quelli che le hanno rivolto le condoglianze e annuncia che è «entrata in lutto», auspicando che «pensieri e parole gentili» la aiutino «a muovere una zampina avanti nel mio futuro senza Papà Karl Lagerfeld e come donna padrona di me stessa».  Choupette ha sette anni ed è stata adottata da Lagerfeld nel 2011, diventando subito una star del web. Lo stilista si era preso gran cura di lei e il gatto sedeva a tavola con lui a pranzo e a cena davanti a prelibati manicaretti. C’erano poi due cameriere a prendersi cura di lei, documentando tutte le loro interazioni in un diario destinato al padrone. Che a sua volta si era fatto ripagare ispirandosi alle sembianze della gattina per alcuni dei suoi prodotti, tant’è che nel 2014 due progetti in Germania e in Giappone gli avevano portato in tasca tre milioni di euro. Se davvero erediterà da Lagerfeld una sostanziosa fortuna, Choupette non sarà sola nel mondo animale: nel 2007 la miliardaria degli alberghi di New York Leona Helmsley lasciò al suo cane maltese Trouble 12 milioni di dollari, mentre nel 1991 la contessa tedesca Carlotta Liebenstein destinò tutti i suoi beni, pari a 80 milioni di dollari, al cane Gunther.

 Fonte: https://www.lastampa.it/2019/02/22/societa/la-gatta-choupette-tra-gli-eredi-della-fortuna-economica-di-karl-lagerfeld-GZu9Pafh4WWeSprI4U1h1K/pagina.html

exIl quattrozampe starà con gli ex coniugi a settimane alterne. E’ il primo caso in Italia

«Il sentimento per gli animali costituisce un valore meritevole di tutela». Lo scrive il presidente del tribunale di Sciacca nell’ambito di un procedimento per separazione giudiziale tra due coniugi. Il giudice ha dato in affidamento il gatto all’ex marito e il cane ai entrambi gli ex coniugi a settimane alterne. «Rilevato che in mancanza di accordi condivisi e sul presupposto che il sentimento per gli animali costituisce un valore meritevole di tutela, anche in relazione al benessere dell’animale stesso - scrive il giudice nell’ordinanza sulla separazione non consensuale - assegna il gatto al resistente che dalla sommaria istruttoria appare assicurare il migliore sviluppo possibile dell’identità dell’animale, e il cane, indipendentemente dall’eventuale intestazione risultante nel microchip, a entrambe le parti, a settimane alterne, con spese veterinarie e straordinarie al 50 per cento». È il primo caso in Italia, nel corso di un procedimento di separazione giudiziale, in cui un tribunale stabilisce non solo l’affidamento degli animali domestici ma anche la reciproca partecipazione alle spese.

Fonte: https://www.lastampa.it/2019/02/21/societa/si-separano-e-il-giudice-ordina-laffido-condiviso-per-il-cane-il-sentimento-per-gli-animali-un-valore-WF2oNXwQkjOlNRaPdMUSFM/pagina.html

GattoSepolturaApprovato in Commissione Sanità della Regione Lombardia il progetto di legge sui servizi funebri, che prevede una norma per la tumulazione degli animali domestici. L’emendamento approvato dalla commissione in sostanza consentirà la sepoltura dei resti del proprio cane, gatto o qualsiasi altro “animale d’affezione” secondo le disposizioni del defunto o degli eredi. Sarà possibile quindi tumulare l’urna contenente le ceneri degli animali nella stessa tomba dei padroni. “Le novità importanti introdotte da questa legge – spiega il Presidente di Commissione Emanuele Monti (Lega) – sono essenzialmente tre e tutte di grande importanza. A partire dall’introduzione di criteri che servono a tutelare le piccole imprese del settore, garantendo quindi non solo la sopravvivenza, ma anche un contesto normativo favorevole, affinché le piccole attività radicate sul territorio possano andare avanti nel loro lavoro senza essere penalizzate dai più grandi”. Nel caso degli animali domestici, “si tratta di una novità importante perché – dice Monti – gli animali domestici fanno parte integrante della vita affettiva delle persone o delle famiglie che li ospitano. Ed è un servizio richiesto dai cittadini”. Il progetto di legge 36 “dà il via ad una revisione complessiva del testo unico sulle leggi in materia di sanità, promosso nella scorsa legislatura e teso a rivedere l’intero impianto normativo della materia per aggiornarlo alle necessità del sistema sociosanitario lombardo, deputato alla presa in carico dei bisogni complessivi delle persone, delle famiglie e dei soggetti più fragili, nonché dei bisogni sociali e socio-economici”.

Fonte: https://www.lastampa.it/2019/01/24/societa/animali-domestici-sepolti-insieme-con-i-proprietari-approvato-il-progetto-di-legge-in-lombardia-wKS2hJCygR0AxTSVKLQzkI/pagina.html

CuccePneumaticiAmarildo Silva è un ragazzo di 23 anni che vive a Paraìba, in Brasile. Durante il giorno lavora come cassiere, e nel tempo libero raccoglie pneumatici usati e li trasforma in letti per cani. Trascorre diverse ore delle sue giornate a recuperare vecchie ruote abbandonate o buttate vicino ai cassonetti per dare agli oggetti una seconda vita. «Le pulisco, le vernicio - racconta il ragazzo - e poi inserisco all’interno dei piccoli materassi dalla forma rotonda, che diventano delle morbide cucce per i cani ma anche per i gatti». La sua famiglia lo aiuta in questo progetto, e Amarildo Silva ha anche cominciato a vendere le sue creazioni online. Su Instagram è seguito da oltre 14 mila follower, e in due anni è riuscito a vendere più di 500 pezzi. «Al momento spedisco solo in Brasile - dice - ma ho ricevuto richieste dall’Europa, dal Nord America e Asia». Tutto è iniziato come un modo per arrotondare e guadagnare qualche soldo per la sua famiglia, ma la sua attività si è trasformata ben presto in una passione e in un buona azione per l’ambiente. Recentemente Amarildo ha iniziato anche a creare vasi per fiori da vecchi contenitori riciclati. «Amo prendermi cura degli animali abbandonati e fare progetti nelle scuole - aggiunge - per sensibilizzare i più piccoli sull’importanza di aiutare il pianeta».

Fonte:https://www.lastampa.it/2019/02/02/societa/un-ragazzo-trasforma-vecchi-pneumatici-in-cucce-per-cani-e-aiuta-a-salvare-il-pianeta-lIckKgRs6aRZpZF3FpIL0O/pagina.html

 

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.