Novità in rete

Se si dovesse dare un premio a tutte le buone notizie che riguardano gli animali, i negozianti di Vallo della Lucania nel Cilento dovrebbero ricevere il primo premio per un'idea condivisibile. Cinquanta esercenti hanno apposto sulle porte di ingresso dei loro negozi questo cartello "Vietato l'accesso senza i cani". Il significato è sensibilizzare l'amministrazione e la cittadinanza al problema del randagismo e a quello degli esercizi che impediscono l'entrata ai cani. Infatti, i divieti di entrata costringono, binomi cani e proprietari, a un percorso ad ostacoli quando si recano assieme a fare semplici commissioni. La giornalista Emanuela Ferraro racconta come è nata l'idea. "In un istituto bancario sono stata ripresa aspramente, per essere entrata con il mio cane per un'operazione di pochi minuti. Da qui mi è venuta l'idea provocatoria di realizzare un divieto al contrario". La riposta e l'adesione dei negozianti è stata immediata. Il dibattito si è poi allargato alla piaga del randagismo che nei comuni che fanno capo al Parco Nazionale Cilento spesso culmina in atti di aspra e incivile intolleranza. La campagna di sensibilizzazione informa che a breve vi sarà anche l'affissione di manifesti: "E se ad essere solo e affamato fossi tu?", per sottolineare la necessità di non ignorare, ma di farsi carico per tutta la comunità di un problema che esiste e va risolto civilmente.

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.