Novità in rete

2012

Un fenomeno tipico delle isole è l'estinzione delle specie più inermi dovuta all'introduzione, in un ecosistema perfettamente equilibrato, di specie predatorie non autoctone (del luogo) o di gravi agenti patogeni infettanti. Ciò accade con risultati infausti per l'equilibrio tra le differenti specie insulari. La ricerca - Evolution of nesting height in an endangered Hawaiian forest bird in response to a non-native predator - pubblicata su Conservation Biology, illustra come l'unica possibilità di salvarsi, per le specie endemiche insulari minacciate, sia una
strategia di adattabilità difensiva idonea a contrastare gli intrusi provenienti della "terra ferma". Un esempio per tutti è l'innalzamento dei nidi di Chasiempis ibidis (l'elapaio di Oahu). L'introduzione nelle isole Hawaiane del comune ratto (Rattus rattus) ha fatto sì che i nidi più vicini al terreno (c.a. 7 metri di altezza) venissero predati delle uova e dei pullus, mentre quelli costruiti su piante di altezza

computer

I gatti sono conosciuti anche dai supercomputer. Da sempre Google è una azienda alla ricerca di soluzioni prossime alla esperienza umana. Recentemente il laboratorio "Google X", che si occupa di intelligenza artificiale, ha collegato ben 16.000 processori in un'unica rete capace di analizzare 10 milioni di video presenti su YouTube, società recentemente acquisita da Google. Sono state sottoposte a questa rete neurale ventimila forme da individuare nei video senza alcun intervento umano e, con grande sorpresa dei ricercatori, la forma più identificata è stata quella del gatto. Il super-cervello elettronico ha prima creato autonomamente una propria concezione di gatto confrontando le immagini, come facciamo noi umani già in tenera età, e poi ha verificato in quali video questa forma è presente. Nascerà dal gatto il primo robot umanoide?

Un gruppo di ambientalisti dell'isola-Stato caraibica di Saint Lucia e di ricercatori internazionali ha ritrovato il serpente più raro al mondo: il serpente corridore (Liophis ornatus Saint Lucia Racer). La ricerca è stata finanziata da Balcombe trust, Disney worldwide conservation fund e Fish & wildlife service Usa. Il serpente era stato dichiarato estinto nel 1936, ma nel 1973 fu catturato un singolo individuo nella Maria Islands Nature Reserve. Da allora si sono avuti altri sporadici avvistamenti sino a quando 5 anni fa sono iniziate le ricerche sistematiche che si sono concluse con il ritrovamento di 18 individui (subito mi-crocippati) e con la definizione di un piano per azzerare i rischi di estinzione e favorire la riproduzione. Il piccolo colorato Saint Lucia Racer, è un ofide non velenoso e stranamente confidente con gli esseri umani. Il significato della ricerca è spiegato chiaramente da Matthew Morton, manager dell'Eastern Caribbean Programme del Durrell wildlife conservation trust. Egli sottolinea quanto sia importante battersi per limitare l'estinzione di qualsiasi animale a rischio
per salvaguardare il più possibile il patrimonio faunistico nel mondo. http://www.durrell.org/ oppure http://www.greenreport.it/_new/index.php?id=16866&page=default.

carapace

Una tartaruga marina rinvenuta gravemente ferita dalle pale di un'elica di un natante a motore, nel porto di Tuxpan, nelle coste del Golfo del Messico, è stata restituita all'oceano con un guscio interamente ricostituito. Il carapace in materiale sintetico - un tipo di cemento atossico - è stato impiantato dai medici veterinari del Centro veterinario di Xalapa, capitale dello Stato messicano di Veracruz. http://www.gazzettadelsud.it/news/home/2517/Tartaruga-in-mare--conguscio-artificiale.html

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.