Editoriale

"Stiamo attenti ... ai supermercati"
pettrend 08 2016

Il lancio del progetto PetCare Academy, proposto da Pet- Trend in collaborazione con Zoomark Internazional di cui è rivista di riferimento, ha creato molto interesse fra gli operatori del settore. Dopo i successi dei master rivolti ad allevatori (proposti insieme ad ENCI ed ANFI) e toelettatori (con il sostegno dell’APT) che hanno visto centinaia di iscritti, la decisone di creare la PetCare Academy è stata una logica conseguenza. D’altra parte era anche naturale che questo progetto partisse con una iniziativa rivolta agli operatori della distribuzione specializzata che erano stati un po’ trascurati dalle nostre precedenti iniziative di formazione per gli specialisti del nostro settore: “1° percorso di formazione tecnico commerciale per il settore della distribuzione specializzata”. Come abbiamo detto, sulla base dei dati raccolti dalle nostre indagini, sembrava che i titolari di petshop ed i loro collaboratori avessero già maturato l’esigenza di proposte formative ed aspettassero solo quella giusta. In verità non è stato così. Infatti abbiamo subito ricevuto numerose telefonate ed email di complimenti per questa iniziativa ma, forse anche per il periodo feriale, sono risultati abbastanza pochi gli iscritti e siamo stati quindi costretti a rinviare l’avvio del progetto. Resta comunque il fatto che tutti quelli che ci hanno contattato esprimevano la necessità di una formazione specifica ed aggiornata per poter essere in grado di affrontare nel modo migliore le difficoltà del momento e soprattutto l’evoluzione del nostro mercato. In particolare mi ha colpito in questi ultimi giorni la telefonata di un titolare di petshop del Veneto (credo di discrete dimensioni visto che parlava di collaboratori) che ha espresso tutte le sue difficoltà a fronteggiare la forte concorrenza delle catene (conosceva bene quelle presenti nella sua zona), delle vendite online (che anche in Italia, sia pure lentamente, continuano a crescere) e soprattutto (almeno a suo parere) quella dei “supermercati”. Lo aveva fortemente preoccupato la notizia dell’apertura ad Agrigento del primo PetStore Conad, il primo di un ampio progetto di investimento nel settore che prevede quindici punti vendita entro l’anno e circa cento entro la fine del 2017. In verità non sono i primi ad attivarsi direttamente nel nostro settore, ma credo siano i primi a dimostrarsi convinti e decisi su un progetto che partendo da un semplice scaffale, destinato soprattutto al petfood, si è poi sviluppato allargando gli spazi con il crescere della presenza degli animali nelle famiglie italiane, introducendo gli accessori, trovando una forte sinergia con la presenza delle parafarmacie, che sono autorizzate a vendere anche farmaci veterinari, prevedendo poi, per chiudere il cerchio a 360 gradi, una tolettatura e, perché no, una struttura veterinaria. Non male l’idea. Il cliente Conad che ha un animale, e sono sempre più numerosi (43,3% degli italiani), potrà risolvere tutte le sue esigenze di salute, benessere e mantenimento recandosi soltanto al supermercato. Sinceramente non so perché altre catene, anche più importanti della Conad, dopo aver espresso interesse per progetti simili, ne abbiano poi rallentato lo sviluppo, ma certamente il futuro del nostro mercato vedrà numerose iniziative di questo tipo ed è giusto che gli operatori della distribuzione specializzata le valutino, senza farne un dramma, ma con la giusta attenzione. Per essere in grado di affrontare queste trasformazioni del nostro settore è ovviamente necessario essere informati e formati nel modo migliore. Non dimentichiamo che alcuni indici riferiti ai consumi evidenziano un ritorno al “negozio” tradizionale, magari famigliare, che può esprimere caratteristiche sempre più apprezzate dal cliente. Piccolo può essere “bello” se siamo in grado di gestirlo al meglio.

Antonio Manfredi

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.