Editoriale

"L'indice di visibilità premia Zoomark"
pettrend 01 2016

Anno 2016, anno pari, l’anno di Interzoo (Norimberga). Le due più importanti fiere europee del nostro settore, Interzoo e Zoomark (Bologna), hanno concordato, per evitare un’inutile concorrenza, edizioni biennali: la prima negli anni pari e la seconda in quelli dispari. Una decisione che ha avvantaggiato certamente le due iniziative fieristiche ma soprattutto un settore che ha ancora grossi spazi di crescita in alcuni paesi europei e che non aveva certo bisogno di “guerre” commerciali ma di equilibri consolidati e punti di riferimento per continuare al meglio il suo sviluppo. Abbiamo già avuto modo di ricordare come Interzoo per numero di espositori e di visitatori sia in assoluto la manifestazione europea più importante distanziando in modo significativo Zoomark che si posiziona comunque autorevolmente al secondo posto distanziando altre fiere francesi e spagnole che difficilmente riescono ad essere un reale riferimento internazionale del settore. D’altra parte è anche un dato di fatto che negli anni dispari, quando Interzoo ha il suo anno di pausa, la fiera più importante in Europa è certamente Zoomark. Questo significa che è importante negli anni pari per gli operatori del settore essere presenti a Norimberga con un proprio stand o almeno come semplici visitatori come, d’altra parte, è essenziale per gli stessi essere a Bologna negli anni dispari quando Zoomark è l’evento più significativo dell’anno. Quello che trovo incomprensibile, come ho già avuto modo di sostenere, è che un’azienda o un operatore italiano vada sino a Norimberga per vedere le ultime novità o proposte del mercato sperando di trovare nuovi fornitori e soprattutto nuovi clienti, mentre a volte non viene a Bologna, vicino a casa. Questione di numeri? Ma siamo convinti? Vediamoli. Interzoo nella sua ultima edizione del 2014 ha potuto vantare 1700 espositori e 37mila visitatori, numeri che secondo gli organizzatori dovrebbero essere superati nell’edizione del 2016, e noi glielo auguriamo. Numeri decisamente importanti che consolidano la posizione di questa fiera come prima in Europa. Zoomark, lo scorso anno, ha potuto comunque vantare una crescita numerica degli espositori arrivati a 615 e degli operatori soprattutto stranieri, 25.909. Prima di ragionare su questi dati, permettetemi una precisazione che credo abbia comunque un significato: i numeri pubblicati da Zoomark sono dati certificati da un ente specializzato nel settore fieristico, ISF CERT (Istituto di certificazione dati Statistici Fieristici), e quindi sono valori certi, come quelli comunicati da Interzoo. D’altra parte, riferito alle oltre 100 aziende italiane che vanno regolarmente ad esporre a Norimberga, è meglio essere presenti in una fiera con altri 1699 stand o soltanto altri 614? È ovvio che più invitati ci sono le fette di torta diventano più piccole! Certamente è importante sapere anche quanto è grande la torta da suddividere. Nel settore fieristico c’è un indice che riassume questo ragionamento e si chiama Indice di Visibilità, dato molto considerato dagli addetti ai lavori che ho notato nessuna delle due fiere messe a confronto riporta nella sua presentazione dei dati. Questo indice corrisponde, per capirci, al “costo contatto” utilizzato per valutare la convenienza di un media rispetto ad un altro per le proprie campagne promozionali: costo pagina / numero di lettori. PetTrend, ad esempio, ha un indice molto conveniente rispetto ad altre riviste del settore. Per valutare una fiera (Indice di Visibilità) si divide il numero dei visitatori per il numero degli espositori e possiamo vedere che Zoomark esce dal confronto nettamente vincente con un indice di 42,12 (25.909/615) rispetto a quello di Interzoo che si limita a 21,76 (37.000/1700), circa la metà di quello della Fiera italiana. Andiamo quindi in tanti a Norimberga, ne vale certamente la pena, ma non perdiamoci la manifestazione di Bologna nel 2017, non sempre l’erba del vicino è più verde.

Antonio Manfredi

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.