Editoriale

"PetTrend la rivista letta dai toelettatori"
pettrend 02 2015

Su questo numero troverete un ampio articolo dedicato ai risultati della nostra indagine di mercato, realizzata in collaborazione con l'APT (Associazione Toelettatori Professionisti), su questi porfessionisti forse ancora poco conosciuti nella loro attività ed anche scarsamente considerati per il ruolo significativo che hanno o che possono avere per alcuni aspetti in un'attività di controllo e prevenzione per la salute ed il benssere degli animali. E quindi "Toelettatore sentinella della salute animale?". Se leggiamo i dati raccolti da questa ricerca direi certamente di sì, in alcuni casi anche abbastanza frequentemente. Riprendendo dall'articolo una frase di introduzione all'analisi dei dati: "Sono anche convinto che i dati che pubblichiamo dimostrino e giustifichino la correttezza dell'obiettivo che l'APT persegue da anni, quello di ottenere la creazione di un albo professionale che definisca il percorso formativo per accedere a questa attività, oltre ai ruoli e competenze di questa figura professionale a garanzia del cliente e del benessere animale". Il toelettatore, in un rapporto positivo di collaborazione con il veterinario, rapporto che questa indagine evidenzia senza alcun dubbio, ha veramente un ruolo di "sentinella" per alcune patologie che possono sfuggire al proprietario, se non particolarmente attento al suo animale, e che anche il veterinario può avere difficoltà ad individuare per tempo se l'animale viene portato a visita solo raramente, magari una sola volta all'anno per la vaccinazione. Può capitare invece che questi animali vadano regolarmente dal toelettatore e, se questi è particolarmente attento ed adeguatamente preparato ed esperto, potrà cogliere attraverso un adeguato esame della pelle e del pelo, di alcuni organi o distretti come la mammella, i testicoli, le orecchie e lo stato di salute dei denti, ecc., e dal comportamento dell'animale alcune alterazioni o segnali di disagio o di malessere che potrebbero indicare la presenza di possibili patologie in atto che potranno essere quindi prontamente affrontate dal veterinario su sollecitazione dello stesso toelettatore. Come si può vedere dall'indagine sono numerosi i problemi sanitari che il toelettatore riscontra sull'animale durante il suo intervento. Andando in ordine decrescente troviamo subito le molto frequenti infestazioni parassitarie seguite dalla presenza di parassiti interni. A distanza da queste e con percentuali nettamente inferiori: sospette micosi, dermatiti, otiti, piodermiti, tartaro, tumori mammari, problematiche dei genitali maschili, ecc. Come si comporta il toelettatore quando riscontra una situazione sanitaria che a suo avviso richiede una visita veterinaria? Nel 42,3% dei casi informa il cliente lasciando che sia lui a valutare il da farsi. Nel 52,7% dei casi consiglia o sollecita una visita di controllo mentre nel 3,7% chiama direttamente l'ambulatorio di riferimento del cliente, e qualche volta (1,3%) scrive al veterinario segnalando il problema osservato. È evidente quindi, riflettendo sui dati evidenziati, che una collaborazione fra toelettatore e veterinario non è solo importante ma realmente necessaria a garanzia dello stato di salute degli animali che vengono portati dal toelettatore. Ovviamente questa collaborazione deve essere basata sul rispetto dei ruoli, altrimenti per il toelettatore che dovesse compiere atti medici si potrebbe configurare anche il reato di abuso di professione. Permetteteci di chiudere queste riflessioni con una informazione che ci ha molto soddisfatti ed anche un po' positivamente sorpresi: dall'indagine è risultato che il 98,7% dei toelettatori conosce e legge la nostra rivista. È una percentuale veramente molto elevata soprattutto se pensiamo che PetTrend ha solo tre anni di vita. Buona lettura.

Antonio Manfredi

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.